Cucino gli avanzi: la frittata di gnocchi

In sole due settimane da quando ho iniziato questo mio blog, mi sono già resa conto che non è facile tenerlo aggiornato e avere ogni volta qualcosa di buono da sfornare per chi ha la gentilezza di seguirmi.
Sicché, non avendo nulla di nuovo da raccontare, oggi vi tocca quel che ho fatto ieri. Ovvero, una ricetta del giorno dopo: la frittata di gnocchi (al gorgonzola).
Ecco com’è nata.
Ieri sera per cena ho fatto, appunto, gli gnocchi al gorgonzola. Niente di impegnativo. Mezzo chilo di gnocchi di patate vere scodellati in una pignatta in cui avevo fatto fondere a fuoco dolcissimo quattro, cinque cucchiaiate di gorgonzola (di quello buono, dono del mio fratellone che sta dalle parti di Novara), un filino d’olio e un goccio di latte.
Erano deliziosi ma, in due, non li abbiamo finiti: diciamo che ne è rimasta una porzione scarsa. Così oggi, a pranzo, è scattata l’operazione frittata.
Operazione che a casa mia scatta molto spesso con la pasta del giorno prima, con gli avanzi di caponate, peperonate e contorni vari e praticamente sempre quando faccio gli spaetzle burro, salvia e pancetta (sì, la prima volta che capita ve li racconto pure questi!), che cucino apposta un po’ di più.
Con gli gnocchi non avevo mai provato, ma rifarò. È bastato sbattere un paio di uova (a proposito, lo sapete che per le frittate le uova non vanno sbattute troppo a lungo, sennò in cottura diventano chewingum?) con poco sale e una grattugiata di noce moscata e mescolarvi gli gnocchi (scaldati appena un attimo, una manciata di secondi, giusto perché il formaggio tornasse fluido). Ho scaldato una padella con un’idea di burro chiarificato, ci ho versato uova e gnocchi, ho portato su fiamma media, girato dopo 4-5 minuti e terminato di cuocere. Tocco finale, irrinunciabile sulle mie frittate, un pizzicone di sale Maldon. Volete sapere com’era? Rovente, doratina e croccantina fuori (grazie anche ai fiocchi di sale), morbidissima dentro e filante di formaggio.
Non male per essere un avanzo!

Annunci

Informazioni su Francesca Romana Mezzadri

cucinare e amare. non necessariamente in quest'ordine
Questa voce è stata pubblicata in le mie ricette e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cucino gli avanzi: la frittata di gnocchi

  1. Giorgio ha detto:

    Anche se non sempre commento (si sa che sono un grafomane e non bisogna concedermi un dito, se no prendo mano, braccio, spalla e giù giù fino all’omaso o foiolo o centopelli o ecc. ecc.), ti seguo e ti leggo sempre.
    Quindi, per la serie “bloggare con gli avanzi e i cascami dei post precedenti”, ti chiederei cortesemente di approfondire, quando hai voglia:
    – il sale Maldon (e tutti gli altri sali che vuoi… quanti ne hai? quanti ne usi?).
    – “Gnocchi di patate vere”… esistono patate finte? Oppure è qualcosa come “veri gnocchi di patate”, oppure… boh? Dai, dimmi che cosa sono le patate vere! Oppure: il distinguo era fra gnocchi veri che hai fatto con le tue manine e quelli pessimi industriali che si comprano al super e/o iper?
    – Perché tu puoi mangiare queste cose e non ingrassare, mentre io, che ne sto appena scrivendo, già mi ritrovo con 273 grammi in più sulla pancia? Esiste un dio? E, se c’è, perché permette tali ingiustizie? Beh, quest’ultimo argomento forse è un po’ impegnativo per un blog di cucina… Anche se… volendo…
    Ciao e grazie in anticipo!

    • Bene, andiamo con ordine
      Sul sale prometto di scrivere qualcosa (del resto, mi diverto così tanto a fare le macro che fotografare scaglie di Maldon sarà uno spasso!)
      Gli gnocchi di patate vere sono comprati (non fatti da me, non sono così ispirata di mercoledì sera!) ma invece che con i fiocchi di patate, come la maggior parte di quelli pronti, son fatti proprio con le patate
      Io sono una falsa magra e so scegliere bene i vestiti per nascondere la ciccetta
      Dio esiste, ed è sicuramente un gran cuoco
      Ciao Giorgio la tua grafomania è sempre bene accetta!

      • ugo malagoli ha detto:

        @ Giorgio: In due non hanno finito 500 gr. di gnocchi….. per forza son magri! (i gnocchi in cottura si espandono ma non “crescono”.

        Attendo con ansia note e foto sul sale che tante soddisfazione mi sta dando ma sono ancora alle prime armi.
        Cordialmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...