Per molti, e non per tutti (seconda parte) – A cena con le Stelle

Qualche giorno fa Igles Corelli ha postato su Facebook un pensiero interessante:
“I creativi non sono quelli che rielaborano la tradizione. Sono quelli che inventano nuovi piatti che saranno la futura tradizione”.
Chi, allora, meglio dei giovani chef, sempre più protagonisti di una cucina italiana (e non solo) di altissimo livello, può intraprendere questa strada? Entusiasti, a tratti timidi ma, ai fornelli, preparati e sicuri di sé, con una solida professione, una conoscenza profonda degli ingredienti e del territorio e un’energia concretamente indirizzata verso risultati “veri”, importanti, più che (si spera!) verso i fasti dello star system.
Questa l’impressione che spesso ricevo quando imbatto in un “under forty” della ristorazione. Nella fattispecie, nei 7 Jeunes Restaurateurs d’Europe, italiani e stellati, che hanno presentato la prossima edizione di A cena con le Stelle, durante il Salone del Mobile (7-13 aprile): evento davvero unico che vede un decano come il grande Sergio Mei aprire la sua cucina del Four Seasons Hotel ai protagonisti della cucina di domani, già saldamente insediati in quella contemporanea.
Eccole, dunque, le 7 giovani stelle, in realtà “under 37”, visto che questa è l’età massima che un cuoco può avere per entrare a far parte della prestigiosa squadra internazionale. In ordine di comparizione, le serate vedranno cucinare in diretta davanti agli ospiti, su postazioni allestite da Electrolux, Aurora Mazzucchelli, Marcello Trentini, Luca Collami, Riccardo di Giacinto, Giuseppe Iannotti, Luigi Pomata, Marco e Vittorio Colleoni.
Ad aprire le serate, i cocktail accompagnati dai celebri appetizer firmati Sergio Mei (alcuni, deliziosi, assaggiati al termine della conferenza stampa, chiacchierando piacevolmente con l’Hotel Manager Carlo Stragiotto). Poi, andrà in scena la cucina dei JRE: innovativa ma nell’ambito della tradizione, creativa ma non concettuale, di territorio ma non (ottusamente) a chilometro zero.
Certo, un’esperienza non per tutti (lo avevo preannunciato): il costo è di 150 euro a cena, senza dubbio tutti meritati, dato l’alto livello di qualità promesso dagli chef e dalle loro brigate e l’impeccabile ospitalità di quello che è, forse, il più bell’albergo di Milano. L’esclusività ha un prezzo.

Senza dimenticare che esattamente un mese dopo, una squadra di JRE tutta al femminile parteciperà all’altra manifestazione presentata in questi giorni: quel Taste of Milano che promette, ancora una volta, di portare l’alta ristorazione al grande pubblico.

Per info e prenotazioni
+39 02 7708168 – 02 7708169
mil.events@fourseasons.com

(2-fine)


Annunci

Informazioni su Francesca Romana Mezzadri

cucinare e amare. non necessariamente in quest'ordine
Questa voce è stata pubblicata in fuori casa e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...